StatCounter

martedì 1 novembre 2016

Legge di Bilancio 2017. Briciole per la crescita e tanto, tantissimo (anzi) tutto per mantenere una macchina politico-burocratica clientelare e corrotta

Le emergenze italiane riportate
nella legge di Bilancio
(Le briciole)
Nel 2017 la Legge di Bilancio prevede il finanziamento delle spese straordinarie legate al sisma (500 milioni) e all’emergenza migranti (altri 500 milioni), a cui si aggiungono vari interventi minoritari, il cui ammontare non è specificato ma ammontano nel 2017 a 2.3 miliardi complessivi, e comprendono, oltre al finanziamento delle spese a politiche invariate (ad esempio il rifinanziamento delle missioni di pace) anche agevolazioni fiscali nel settore della cultura
Nel biennio successivo si concentrano invece le misure a favore delle imprese, che operano soprattutto dal lato delle entrate. Sarà introdotta l’Iri (circa 2 miliardi dal 2018), ovvero la nuova imposta per le società non di capitali, con aliquota unica al 24 per cento come l’Ires, così da allineare il trattamento fiscale di queste imprese alle società di capitali.
Saranno inoltre prolungate ed estese le agevolazioni fiscali legate agli interventi di ristrutturazione edilizia e di efficientamento energetico, oltre alle detrazioni per l’acquisto di mobili, con un impatto fiscale di circa 800 milioni nel 2018-2019
Per offrire uno stimolo agli investimenti privati saranno introdotte varie misure, tra cui la proroga del cosiddetto “super ammortamento” e l’introduzione di un “iper ammortamento”, che avranno un impatto riduttivo sulle entrate fiscali pari a circa 1 miliardo nel 2018 e due nel 2019. A queste si aggiungono misure a sostegno del settore dell’agricoltura e un credito d’imposta per le spese in ricerca e sviluppo. Complessivamente, gli oneri a carico della Pa delle misure qui elencate (al netto della clausola di salvaguardia) saranno pari a circa 11 miliardi nel 2017, ovvero quasi 7 decimi di Pil, e saliranno a circa 17-18 nei due anni successivi, pari a 1 punto in quota del Pil programmatico stimato dal Dpb.