StatCounter

venerdì 11 marzo 2016

Corleone. L'assassinio del sindacalista socialista ricordato da una cittadina divisa

                                                                                         LA REPUBBLICA-Palermo

FRANCESCO PATANE
Una Corleone divisa ha ricordato ieri la morte di Placido Rizzotto, il sindacalista ucciso dalla mafia 68 anni fa. Due le manifestazioni, da una parte la Cgil che ha dovuto ripiegare sul cimitero, dopo che per la prima volta l'amministrazione comunale le ha negato la piazza del paese. Dall'altra il Comune, con in testa il sindaco Lea Savona, che ha reso il suo omaggio al sindacalista in quella stessa piazza Garibaldi "tolta" alla Camera del lavoro. Conseguenza delle polemiche seguite all'avvio dei lavori della commissione d'accesso agli atti che sta valutando possibili infiltrazioni mafiose nel governo cittadino.

«Il Comune di Corleone è sotto la lente d'ingrandimento» ha assicurato Rosy Bindi, la presidente della commissione antimafia. «Aspettiamo quello che la Commissione avrà da dire e, come sempre facciamo con tutti i Comuni in odore di mafia, seguiamo gli atti di chi è preposto a prendere le decisioni». La richiesta della Cgil corleonese al primo cittadino di fare un passo indietro per evitare l'onta di un possibile scioglimento per mafia, deve essere suonata alle orecchie del sindaco come una dichiarazione di guerra e la ritorsione è arrivata immediata. «Qui dove si sono incrociate le storie di Placido Rizzotto, di Pio La Torre e del generale Dalla Chiesa, non ci possono essere zone d'ombra, non ci possono essere lati oscuri», ha detto Mario Ridulfo della Cgil, intervenendo davanti alla tomba dove sono stati composti i resti del corpo di Rizzotto, trovati il 7 luglio 2009 all'interno di una foiba di Rocca Busambra, «Corleone è ancora crocevia di forze che si contrappongono e respingono, mafia e antimafia, progresso e sottosviluppo, diritti e sfruttamento, occupazione e disoccupazione, buona politica e malapolitica. Continua ancora la lotta tra chi vuole uno sviluppo libero dalla mafia e dalla cattiva politica e chi vuole tenere questa terra in condizioni di sottosviluppo».
Al centro multimediale di Corleone sono state invece lette le poesie degli alunni delle scuole, che hanno realizzato scritti e manifesti dedicati al sindacalista di Corleone. Ricordata anche la figura del Rizzotto partigiano. «Siamo partiti da una famosa frase di Gramsci», "Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti" — sottolinea Cosimo Lo Sciuto — Ai ragazzi abbiamo spiegato che il messaggio di Rizzotto è quello di non essere indifferenti, di essere protagonisti della propria storia, come fece Rizzotto da partigiano e da contadino e come fecero migliaia di contadini che sfidarono la mafia e il domino degli agrari di Corleone». Alla commemorazione hanno partecipato i familiari di Rizzotto, le cooperative sociali "Placido Rizzotto e non solo", "Lavoro e non solo", il centro Pio La Torre, l'Anpi, la direzione didattica statale "C.F.Aprile", la scuola media "G.Vasi", le scuole superiori di Corleone.