StatCounter

giovedì 8 dicembre 2016

Contessa Entellina. Tradizioni: Ieri sera è stato bruciato "u diavulazzu"


Quella dei fantocci che vengono dati alle fiamme a conclusione dei Vespri dedicati all'Immacolata, il 7 dicembre, è una tradizione che affonda le origini verosimilmente nel tardo '600. 

Ignazio Buttitta scrive in un suo libro "I fantocci dati alle fiamme per l'Immacolata a Caltabellotta e a Contessa Entellina -centri non distanti fra loro, appartenenti, rispettivamente, alle provincie di Agrigento e Palermo- assumono l'esplicita identità del demonio, ovvero del "negativo assoluto". 

"A Contessa, la sera della vigilia della festa, presso la chiesetta dedicata a San Rocco, si effettua il rogo dei Diavuli, fantocci costituiti da vecchi abiti imbottiti di paglia. I fantcci tradizionalmente sono due, ma, in realtà, il loro numero varia di anno in anno" (I. E. Buttitta 1999: 105).