StatCounter

mercoledì 4 gennaio 2017

Hanno detto ... ...

MAVLUT CAVUSOGLU,  ministro degli Esteri turco, 
"La persona che ha commesso l'attentato è stata identificata",

SUSANNA CAMUSSO, Segretario Generale Cgil
"I voucher sono ormai diventati i pizzini che retribuiscono qualsiasi attività. Così facendo si inquina il buon lavoro e si condannano milioni di giovani e lavoratori a un futuro assai povero. Vanno aboliti"
"Il caso del Comune di Torino  non è l'unico. I voucher nella pubblica amministrazione vengono ormai usati per tutto: per sostituire i lavoratori in essere, come forma assistenziale, per pagare attività del terzo settore, per retribuire il lavoro occasionale. Tutti usi dannosi e impropri".

BEPPE GRILLO, esponente M5S
"I giornali e i tg sono i primi fabbricatori di notizie false nel Paese con lo scopo di far mantenere il potere a chi lo detiene. Sono le loro notizie che devono essere controllate". 
"se una notizia viene dichiarata falsa il direttore della testata, a capo chino, deve fare pubbliche scuse e riportare la versione corretta dandole la massima evidenza in apertura del telegiornale o in prima pagina se cartaceo. Così forse abbandoneremo il 77° posto nella classifica mondiale per la libertà di stampa"

CORRADINO MINEO, senatore

La fine della lunga pace. Gli ultimi 70 anni l’occidente li ha vissuti senza guerre maggiori, all’ombra dell’impero americano e delle sue armi capaci di distruggere il pianeta. Ci siamo illusi che la mondializzazione capitalista e società aperta sarebbero andati ancora a lungo di pari passo e, come due gemelli, potessero garantirci una crescita economica ai danni del resto del mondo e una estensione dei diritti civili, accompagnata da forme sostenibili di democrazia. Non è così. Ce ne accorgiamo sgomenti. Il nesso mondializzazione-diritti si è rotto. Colpisce l’anti mondializzazione medievale islamica, il ceto medio, garante della democrazia, è sempre più frustrato e rabbioso. Tra qualche giorno farà il suo ingresso alla Casa Bianca un uomo che non crede nel riscaldamento del pianeta, che nega, cioè il più grande pericolo per l’umanità. Un presidente degli Stati Uniti che dice di voler alzare muri e imporre dazi a difesa della fortezza americana. Mentre un ex funzionario dello spionaggio sovietico si impone come arbitro in Medio Oriente, in quella che per secoli è stata la riserva di caccia dell’imperialismo prima britannico poi americano. In India svetta la statua più alta del mondo in onore di un guerriero nemico dell’Islam. In Cina un Grande Fratello che torna a chiamare “compagni” i suoi adepti, prova a cambiare il modello di sviluppo di quella che è diventata la prima fabbrica e la prima banca del mondo.