StatCounter

giovedì 8 settembre 2016

Perché siamo cristiani

N. 5
Dio Padre -il Creatore e datore di vita-,
Dio Figlio -il Salvatore dell'umanità-, 
Dio Spirito Santo -il Consolatore dei credenti-.

"E io pregherò il Padre ed egli vi darà  un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre , lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. 
Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi" (Giov. cap. 14)   
^^^^

Lo Spirito Santo
Dopo la risurrezione Gesù appare agli apostoli e soffiando manda su di loro lo Spirito Santo, dicendo "Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati".

Dalla Pentecoste inizia la missione della Chiesa che prosegue fino ad oggi e nella quale l'azione dello Spirito Santo riveste un ruolo centrale.

L'azione dell Spirito Santo è considerata la garanzia 
-che la dottrina di Cristo non subisce travisamenti, 
-che il suo ministero prosegue attraverso i suoi discepoli e seguaci,
-che Cristo resta il Capo vivo ed operante della Chiesa, guidata con l'ausilio dello Spirito Santo.

Dio Spirito Santo è quindi colui che Gesù ha lasciato nella sua Chiesa, al proprio posto: è l'altro Paràclito, che non ascenderà in cielo ma resterà per sempre in mezzo ai credenti. 
Non parlerà   da se stesso ma nel nome di Cristo.

Non è un caso che nella Chiesa bizantina la lettura degli Atti degli Apostoli inizi durante la Liturgia di Pasqua e termini con la festa della Pentecoste.

Negli atti degli apostoli lo Spirito Santo è descritto  attraverso le espressioni
"essere colmati di Spirito Santo"
"ricevere lo Spirito Santo"
"discesa dello Spirito Santo sui credenti" 

I Padri della Chiesa, alle origini del suo crescere, sulla scorta dei testi del Nuovo Testamento definirono il Dio dei Cristiani il "Dio unico, in tre persone".
E' proprio attorno a questa asserzione che cominceranno ad enuclearsi -durante i primi 7 Concili Ecumenici- nel corso di più secoli, i "dogmi" e pure le lacerazioni  interne al mondo dei seguaci di Cristo.