StatCounter

sabato 3 settembre 2016

Con le immagini ... ... è più facile

Nel paese degli ipocriti: l'Italia
La Satira di Charlie Hebdo colpisce l'Italia del potere corrotto e assassino, la classe dirigente del paese più corrotto ed illegale del mondo (lo sostengono le statistiche), quella classe dirigente che ci ha ridotto a Paese-lasagna.
Per gli ipocriti del nostro Paese sarebbe irriverente per i morti quella satira ?

Noi speriamo che gli ipocriti attingano la loro "indignazione" solamente dall'ignoranza.
Diversamente sarebbero da biasimare, parecchio.

Quali sono i giornali, i giornalisti e gli indignati che in quella "satira" hanno letto offese ed ingiurie al nostro paese ?
Quelli di regime ! Quelli che oggi tifano per il finto centro-destra e oggi ancora per il finto centro-sinistra.
Quelli che hanno consentito il saccheggio del paese, quelli che mai (o solo a posteriore) si sono accorti dei politici compromessi con la malavita, dei politici che giustificano o sottovalutano le ragioni per cui le strade crollano e/o le scuole si sbriciolano il giorno dopo l'effettuazione del collaudo (se non prima).

Si stupiscono questi indignati che il nostro paese venga associata alla mafia ?
Si sono mai chiesto -in Sicilia- come mai i dati elettorali davano e speriamo non diano mai più (in parecchie località) il 75% ad un politico successivamente raggiunto dalla giustizia ? non siamo stati noi italiani, noi siciliani a volere quel tipo di personaggi alla guida del Paese, della regione ?

Come si può pensare che i disastri da terremoto siano solamente opera della natura ? La natura è forse benigna in Giappone ?
E la classe dirigente che sistematicamente ci scegliamo non ha alcuna colpa ?
La classe dirigente non siamo noi a sceglierla ? Non è esistita dall'Unità del paese a ieri osmosi fra Paese e classe dirigente ? Osmosi sempre con i peggiori ?

^^^
Se poi l'indignazione è colpa dell'ignoranza di chi non sa leggere, aggiungiamo a giustificazione.
--Molta gente non ha mai letto una pagina di Vangelo perchè non capisce il linguaggio con cui è scritto.
--Molta gente non ha mai letto un libro di Storia perchè non capisce cosa si possa tirare fuori dal passato.
--Molta gente non legge mai un giornale italiano o straniero perchè l'inglese imparato a scuola non lo consente. Siamo infatti in Europa fra quelli che leggiamo poco la stampa, sia quella di regime che quella libera, quella nazionale o straniera.

Saper leggere la satira non possedendo, sconoscendo il linguaggio appropriato non è facile.
I linguaggi degli uomini sono tanti, sono troppi, e noi non riusciamo a saperli interpretare tutti.

La rivista satirica francese ci ha detto che noi italiani viviamo sotto il tallone della mafia, eppure noi col clientelismo e con gli occhi spesso bendati ci mettiamo in fila per beneficiare il nostro piatto di vivere dalla classe politica più corrotta del pianeta (fra i paesi dell'emisfero occidentale), piatto di pasta che spesso gronda di sangue piuttosto che essere condita col sugo.
Noi riteniamo che sia vero. Charlie Hebdo ci ha buttato in faccia una verità che solo agli ipocriti dispiace.