StatCounter

lunedì 24 luglio 2017

L'Italia. All'improvviso i politici si accorgono che potrebbe mancare l'acqua potabile. Alla vigilia di ferragosto si svegliano i politici. Dove sono stati ?

Roma, e forse gran parte dell'Italia, rischia di restare all'asciutto.
A scuola avevamo appreso che l'Impero Romano grazie alle sue capacità ingegneristiche  e alla volontà di recare ovunque la "civiltà" aveva creato, nelle aree in cui imponeva il Dominio, meravigliose reti di acquedotti. 
Roma rapinava i popoli ma li teneva in vita con l'acqua. Essi dovevano sopravvivere e poi essere depennati. 

Pare che a Roma, e in tutte le grandi città d'Itala, ossia in quelle realtà dove in estate i turisti dovrebbero portare la preziosa "valuta", l'acqua sarà razionata.
I politici dell'Italia corrente hanno razziato tutto, con "mafia capitale", col "Care di Mineo",  col "Mose d Venezia" e con migliaia di altre ingegnosità;  al contrario dei romani che erano attenti a che i loro dominati continuassero a lavorare per poi derubarli, i nostri politici non hanno avuto la premura di garantire l'acqua, la "sopravvivenza" vitale ed economica per far sopravvivere gli italiani e gli stranieri-turisti.
Chi dovranno derubare i politici se mancando l'acqua il bel Paese diventerà un deserto ?