StatCounter

lunedì 27 febbraio 2017

Verso la Pasqua. Cosa i cristiani intendono

Nell'Occidente cattolico e protestante la festa del Natale è sentita e vissuta come la festa principale dell'anno sia sotto il profilo religioso che, forse soprattutto, sotto il profilo consumistico. Per quello che ancora oggi viene chiamato l'oriente cristiano la festa delle feste è invece sempre rimasta la Pasqua, celebrazione religiosa e di popolo interpretata come celebrazione della vittoria sulla morte operata da Cristo risorto dai morti, che ha risuscitato insieme a sè tutto il genere umano.
Per i primi cristiani la risurrezione di Cristo fu un fatto assolutamente indiscutibile e di portata assoluta che san Paolo senza esitazione scriveva ai suoi destinatari: "Ma se Cristo non è risorto, vuota allora è la nostra predicazione, vuota anche la vostra fede".   

Oggi a Contessa, e nel territorio di quei paesi che già è stato caratterizzato dalla presenza dell'Eparchia bizantina di Sicilia, comincia a decorrere il periodo di quaranta giorni che precede la "settimana santa"; periodo di quaranta giorni durante il quale le comunità cristiane sono chiamate a verificare se stesse sotto l'aspetto religioso.