StatCounter

lunedì 27 febbraio 2017

Contessa Entellina. Non esistono voci per esternare il malessere

 In un'altra regione d'Italia sarebbe già stato chiuso il traffico automobilistico e sarebbero stati avviati con procedura d'urgenza gli interventi manutentivi e di ripristino, ma qui siamo in Sicilia dove lo stile di vita continua ad essere quello contadino, specie all'interno nelle zone dove i politici non si fanno mai vedere e i mezzi di informazione governativa Rai e carta stampata non sanno cosa venire a fare. Le strade qui possono franare e nessuno si preoccuperà mai di nulla.

Da Contessa per raggiungere in macchina la frazione di Piano Cavaliere sta diventando un atto di coraggio in quanto il fondo stradale della "provinciale" non è -da parecchio tempo- compatto e in più punti, a cominciare da subito prima e subito dopo il centro vendita Benanti -in c.da San Calogero- e poi dopo aver superato Cozzo Finocchio in direzione di Piano Cavaliere il dissesto idrogeologico sta via via causando frane che se non immediatamente riprese isoleranno il borgo dal paese ed il paese dai centri limitrofi dell'agrigentino e del trapanese.

La circostanza è preoccupante di per sè e appare ancora più allarmante perchè poche e fievoli sono le voci di denuncia e di protesta per lo stato di abbandono di quest'angolo di Sicilia. 
Le forze giovani e migliori di Contessa sono tutte emigrate, il paese è definito infatti "paese di pensionati". 
II politici locali danno la sensazione che la questione li riguardi semplicemente nella misura in cui devono segnalare gli eventi alle istituzioni provinciali (non ritengono -così pare- che guidare la comunità implichi per loro molto di più in termini di impegno civico), quelli regionali non sanno dove stia geograficamente Contessa Entellina, quelli nazionali hanno il problema di garantirsi il diritto al vitalizio e di evitare conseguentemente l'interruzione della legislatura: questa appare essere l'unico loro interesse nell'immediato.  

Il dramma della situazione è che pure la strada provinciale per Campofiorito versa in condizioni disastrose. 
Viene da chiedersi: "possibile che nessuno provi vergogna per la trascuratezza in cui versa la nostra zona ?".   
La Chiesa di Piano Cavaliere