StatCounter

martedì 1 maggio 2018

L'uomo e la storia

Piccola premessa
Per capire il mondo in cui viviamo, che ci si presenta di volta in volta, con sorprese e pure con modalità scontate, con momenti di felicità e situazioni che sanno di drammi, è bene conoscere la Storia dell'Umanità. 
L'impresa di riuscire ad essere padroni di millenni di cultura e vicende umane non è per tutti gli esseri umani affatto facile; forse l'interpretazione del mondo in cui viviamo è più facilmente raggiungibile se molto più modestamente scorriamo gli ultimi cento anni di Storia dell'occidente e delle altre parti del mondo alla luce dell'interpretazione che gli hanno dato i "grandi" dei nostri giorni. Ci riferiamo a scienziati, filosofi, storici, politici (quelli veri, si intende), letterati e cosi via.  

Ciò che ci proponiamo è di narrare il Novecento e gli anni di questo primo XXI secolo attingendo alle riflessioni appunto dei grandi, a cui spesso è stato conferito il premio Nobel. Non è certo che scopriremo il mistero dell'uomo e del mondo che ci ospita. Ci auguriamo però che almeno qualcosa potremo riuscire a capire. Nel 1900 Sigmund Freud pubblicò un libro L'Interpretazione dei sogni, di cui in otto anni si vendettero meno di seicento copie, eppure quel libro aprì all'umanità nuove strade, nuove piste per la conoscenza della psicologia dell'essere umano: lì si analizzano gli istinti, i sentimenti, le emozioni ed altro ancora. Ma il mistero dell'essere umano non è stato svelato. Lo stesso Freud  scrive: "Oh, la vita potrebbe essere molto interessante solo se si sapesse e capisse qualcosa di più".

Chi scrive ha vissuto per intero la seconda metà del Novecento ed ha assistito, se non direttamente almeno mediante la cronaca, a tanti prodigi dell'essere umano, che è pure sbarcato sulla Luna, e a molte crudeltà, come le guerre in Vietnam e in Bosnia per ricordare quelle che hanno avuto maggiore eco sui media, ed intanto ci vengono additati nuovi traguardi. Traguardi davvero sorprendenti:
-si pensa di creare la vita in provetta
-di prevenire le malattie ereditarie
-di influenzare il clima
-di modificare l'agricoltura facendola svolgere in immense serre.

E' certo che narrando il Novecento qualcosa dell'uomo capiremo, ma moltissimo resterà avvolto nel mistero. 
E' persino più probabile che in corso d'opera resteremo ancor più sopraffatti dal mistero.