StatCounter

giovedì 20 luglio 2017

Arbëreshe in Albania (9). Tirana, “La capitale della Repubblica d'Albania"

Shqipëria  (storicamente Arbëria)
è una Repubblica che culturalmente, etnicamente e linguisticamente si distingue dai vicini  popoli slavi e greci.
Suo riferimento storico sono gli antichi illiri. 


TIRANA, è la capitale dello Stato,  centro finanziario del paese.
E' sede di istituzioni pubbliche, università, e cuore della vita amministrativa, politica, economica e culturale del paese.

Nel pomeriggio di oggi i "contessioti" in visita nel Paese delle Aquile  sono giunti a Tirana.

Le prime inevitabili foto, nella piazza Scanderbergh, sono state quelle alla statua dell'eroe nazionale.

La prima visita, anche questa inevitabile, è stata alla maestosa Cattedrale Ortodossa de "La Resurrezione", ricostruita dopo la caduta del Comunismo cn contributi giunti da tutto il mondo. 




 Kryekisha Ngjallia e Kristhtit
(La Cattedrale della Resurrezione di Cristo)

Nel 2011, dopo dieci anni di lavori, è stata completata la nuova cattedrale, a poca distanza dalla Piazza Giorgio Castriota Scanderbeg

Si tratta della terza chiesa ortodossa più grande d'Europa, inaugurata e consacrata ufficialmente il 24 giugno del 2012, nell'ambito delle celebrazioni del 20º anniversario della consacrazione dell'Arcivescovo Anastasio Primate di Albania.

E' una chiesa moderna, ma che richiama tutti i canoni della tradizione.
La cupola e la forma vogliono richiamare la ex-chiesa di Santa Sophia di Costantinopoli, a sottolineare anche il richiamo alla Chiesa Greco Ortodossa, da cui la chiesa Ortodossa Albanese discende. 

Oltre alla chiesa vi è un battistero (con lavori incorso all'interno) e il campanile. 
L'ingresso nella chiesa si fa attraverso dei portoni di bronzo (che diventano dorati quando colpiti dalla luce del sole) decorati con simboli cristiani e si entra nella cattedrale; passata la zona d'ingresso (dove si trovano le due icone che gli ortodossi baciano e pregano prima di entrare) vi è il centro della chiesa. 

La cupola (che ha sotto 52 finestre come Santa Sophia) è decorata con un mosaico raffigurante al centro un Cristo Pantocratore. 

Notevole anche il bellissimo lampadario e l'iconostasi lignea che ha la particolarità di avere i nomi dei santi non solo in lingua greca, ma anche in quella albanese.