StatCounter

lunedì 29 maggio 2017

Il G7 d Taormina. Tanto rumore (tanto spendere di denaro) per il (quasi) falimento

Nessun accordo su clima, su migranti e su commercio. 
Il vertice dei sette (presunti) "grandi" di Taormina sembra sa stato un fallimento. 
I giornali sottolineano come, a parte un impegno comune sul terrorismo, per fermare l'Isis e i suoi seguaci in Occidente, il vertice  ha un nuovo socio scomodo come Donald Trump pronto a rimettere in discussione politiche consolidate su clima, commercio e migranti.

Nella  dichiarazione finale si afferma la necessità di tutelare i profughi e i migranti più deboli, come le donne a rischio e i minori non accompagnati, ma anche il diritto "sovrano" degli Stati di presidiare i propri confini e di fissare "tetti" all'immigrazione. 
Più che all'accoglienza, si fa riferimento al diritto di portare avanti "politiche sull'immigrazione nel proprio interesse nazionale", al punto che le Ong hanno parlato di "testo miope e regressivo".