StatCounter

lunedì 27 febbraio 2017

Libri. Arte e medicina in Sicilia, un volume di Marchese sarà presentato l'1 marzo alla libreria Novecento


Antonino Giuseppe Marchese,
medico e
studioso di Storia.

Recentemente scomparso,
viveva a Giuliana dove ha
realizzato una vasta biblioteca
con testi
di storia siciliana.

Il volume: "L'immagine artistica della medicina in Sicilia" di Antonino Giuseppe Marchese, edizioni d'arte Kalos, sarà presentato mercoledi 1 marzo alle ore 18 presso la Libreria Novecento (Via Siracusa 7/a).
    All'incontro intervengono la professoressa Rita Cedrini e il professor Massimiliano Marafon Pecoraro della Universita degli Studi di Palermo; introduce il professor Roberto Lagalla.

      Il volume ricostruisce in un percorso cronologico, accompagnato da un suggestivo corredo iconografico, le testimonianze del legame fra arte figurativa e medicina prodotti in Sicilia dalla preistoria al XX secolo. Il binomio medicina-arte nell'Isola prende infatti l'avvio dai graffiti preistorici dell'Addaura, pregni di significati simbolici magico- medici-religiosi, per arrivare ai novecenteschi visionari disegni di Bruno Caruso dedicati agli alienati del manicomio di Palermo, passando per i templi greci di Asclepio, le terme romane e gli hospitalia medievali. La medicina nella sua accezione greca di teckne iatrike, ovvero L'arte lunga di ippocratea memoria, si intreccia armoniosamente in questo libro con l'arte intesa come prodotto estetico-antropologico dell'ingegno umano nella terra di Empedocle, anello di congiunzione tra il pensiero medico- filosofico dei Pitagorici e la medicina razionale di Ippocrate. 
(ANSA).