StatCounter

mercoledì 8 febbraio 2017

La Democrazia. C'è la sensazione che l'Occidente delle libertà abbia perso la memoria per inseguire la destra estrema ed i populismi più disparati

A leggere i giornali nel mondo (Italia compresa) spira una brutta aria.
In pericolo appaiono molte conquiste ed avanzamenti dell’essere umano conseguiti nei decenni successivi al secondo dopoguerra. C’è un’aria che può farci scivolare verso esperienze poco edificanti e sconsigliabili.
Un tempo in presenza di una aria come l’attuale i partiti della Sinistra avrebbero lanciato l’allarme: “aumentiamo la vigilanza democratica”.  Oggi non accade nulla; la Sinistra non esiste più, al punto che il partito guidato da Renzi arriva ad autodefinirsi, esso, di “Sinistra”.
In Francia Marine Le Pen, candidata all’Eliseo, annusa la possibilità di andare a catturare qualche voto tra l’elettorato più oscurantista per discriminare "immigrati", recedere dalla "Unione" con i paesi europei ed innalzare la bandiera del "nazionalismo", quella che tanto sangue ha fatto scorrere negli ultimi due secoli nel vecchio continente.  
Negli Stati Uniti i viaggiatori in possesso di regolari documenti di ingresso nel paese e di un passaporto di sette Stati islamici sono divenuti bersaglio di Donald Trump che ha vietato loro l’accesso nella “terra dei liberi” con la debole giustificazione dell’ordine pubblico e della lotta al terrorismo, violando:
- il principio della libertà religiosa,
-la libertà di movimento

-e il diritto ad un giusto processo prima di una condanna (lui ha deciso a prescindere dalle sentenze dei tribunali che per essere condannati "al bando" basta appartenere ad una lingua, ad una fede e a possedere un passaporto).