StatCounter

venerdì 9 dicembre 2016

Economia. Nel mondo globalizzato ... la democrazia

La quantità di denaro ed i suo effetti
Mario Draghi è un uomo davvero rilevante ?

Ogni scienza ha le proprie teorie. Il teorema di Pitagora -ad esempio- è una teoria di base in matematica.
La Scienza economica di teorie ne possiede parecchie e fra esse la più nota è senza dubbio la "teoria quantitativa della moneta". Essa sostiene che la quantità di moneta  (M), moltiplicata per il numero di volte in cui cambia di mano, cioè la sua velocità di circolazione (V), è uguale al prezzo del beni (P) moltiplicato per il loro numero (Y).
Una versione lievemente differente dà l'entità del PIL (prodotto interno lordo) di un paese.   

Questa teoria crea un rapporto imprescindibile tra la quantità di denaro che c'è in giro con le variabili del sistema economico (prezzi, quantità di beni e servizi prodotti in ciascun paese).

Se teniamo presente che la BCE è la banca centrale europea e che ad  essa è deputata la supervisione del sistema bancario e l'onere di regolare la quantità di moneta esistente e/o da immettere nel sistema economico appare evidente che essa detiene in misura consistente il destino di un paese super indebitato come è l'Italia.  

Un esempio micro
Immaginiamo un sistema economico micro, nel quale si produce un solo bene annuo (kg. 10 di pasta) e che il prezzo a chilo sia di €. 1,oo. Immaginiamo che la moneta disponibile sia composta da n. 5 monete da €. 1.

Se le persone che vivono entro questo sistema economico in un anno consumano l'intera produzione (kg. 10 di pasta) è evidente che ogni moneta deve essere utilizzata due volte. E ciò significa che la velocità di circolazione è pari a due.

Riflessione
Intuiamo che mantenendo stabile la velocità di circolazione (V), un aumento di quantità di moneta (M) proveniente dalla BCE porterà ad un aumento del PIL, però solamente nominale.

L'aumento di quantità di denaro (M) è stimolo per il sistema economico, infatti se, ad esempio, essa da 5 passa a 10 euro, fermo restando (V), il pastificio si attende una richiesta della domanda di pasta e ne aumenterà la produzione.
Se però il panettiere tiene ferma la produzione al livello precedente (magari perchè la capacità produttiva dell'impianto è già al livello massimo) scatterà inevitabilmente l'aumento dei prezzi (l'inflazione).
Ci sarà più moneta in giro alla caccia dello stesso numero di beni.

^^^^^^^^
Abbiamo semplificato l'incidenza della Bce sulle tasche e sul futuro degli europei. 
Bisogna tenere presente che la politica monetaria della Bce non può a lungo essere fissata in funzione dell'Italia, il paese super indebitato. La maggiore circolazione di (M) è infatti conseguenza dell'acquisto di titoli di stato dei paesi che si indebitano per sopravvivere.
Gli europei tutti non possono accettare una Italia malata perchè la politica del Bel Paese non sa tirare fuori dalle secche il sistema economico che vive di ... debito.
(segue)