StatCounter

giovedì 15 dicembre 2016

Economa. L'Italia che vive di debito; fino a quando ?


Il debito pubblico è il debito dello Stato nei confronti di  soggetti terzi  (individui, impresebanche o stati esteri), che hanno sottoscritto un credito allo Stato destinati a coprire il fabbisogno di cassa statale, nonché l'eventuale deficit pubblico nel bilancio dello Stato.

La Banca d'Italia proprio in queste ore fa sapere che il "debito pubblic" è tornato a salire a ottobre, dopo la discesa di settembre e si è attestato a 2.223,8 miliardi, in aumento di 11,2 miliardi rispetto al mese precedente. 

L'incremento è dovuto all'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro per 8,4 miliardi, a 47,7 miliardi (erano pari a 81,7 miliardi alla fine di ottobre del 2015), e al fabbisogno mensile delle Amministrazioni pubbliche (2,9 miliardi). 
 Con riferimento ai sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 12,2 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è diminuito di 1,1 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato. 

Nei primi dieci mesi del 2016, il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 51,1 miliardi.

ll quadro è pessimo
Una pubblica amministrazione, quella italiana, assolutamente inefficiente (viene da dire: parassitaria) continua ad assorbire risorse dal sistema Italia  a scapito delle economie private.
Da mesi abbiamo fruito del prezzo del petrolio a prezzi bassi; eppure l'Italia di Renzi non è riuscita a decollare. E' solamente cresciuto il parassitismo di Stato.
In un contesto del genere il jobs act non è servito assolutamente a nulla, anzi, ha provocare ulteriori danni portando le imprese a licenziare per riassumere con contratti maggiormente precari.

All'estero si interrogano: "L'Italia come fa a scegliere i peggiori per la guida dello Stato e degli Enti Pubblici ?".    
Nei tre anni di governo renziano il debito è cresciuto di circa 120 miliardi di euro. Miliardi serviti per il parassitismo di Stato.