StatCounter

lunedì 7 novembre 2016

L'Occidente, il post-moderno della dimenticanza, gli altri --n. 28--

L'Individualismo Occidentale

76) Il saggista e antropologo Louis Dumont scrive: "Qualcosa dell'individualismo moderno è presente nei primi cristiani  e nel mondo che li circonda, ma non è esattamente l'individualismo che ci è familiare. In realtà, l'antica forma e la nuova sono separate da una trasformazione così radicale  e complessa che sono stati necessari non meno di diciassette secoli di storia cristiana per completarla e forse essa ancora prosegue ai giorni nostri. La religione è stata il fermento essenziale prima nella generalizzazione della formula, e poi nella sua evoluzione".

La cultura odierna dell'Occidente si è forgiata anche con l'immaginario religioso e gli astri hanno presieduto alla sua nascita mettendo assieme nella stessa culla  Mosè, Gesù e il secolo di Pericle in Grecia. 

77) Come possiamo dimenticare i quindici secoli di onnipotenza della Chiesa dove la separazione tra lo spirituale e l temporale esisteva solo per meglio affermare  la preminenza del primo sul sul secondo ?
Non è forse in nome della Bibbia che si è tagliata la testa del re d'Inghilterra ?
E Napoleone non ha ritenuto necessario, per preservare le conquiste della Rivoluzione, ristabilire la   religione, farsi consacrare imperatore dal papa, ristabilire il potere ereditario e le gerarchie ?
Il tentativo di instaurare una religione civile, laica, sotto la Rivoluzione non è forse stato un penoso fallimento ?
Decine di migliaia di francesi non sono morti nella guerra di Vandea per il loro re e per l'eminente posto di Dio nell'organizzazione della società e dello Stato ?
Le monarchie di diritto divino non sono durate  fino all'alba del XX secolo e il diritto religioso non ha regolato la vita individuale dei cittadini in Italia, Grecia e Spagna sin alla fine di questo stesso secolo ?
I sovrani inglesi non sono oggi i Capi della Chiesa anglicana, Chiesa ufficiale del Regno ?