StatCounter

mercoledì 30 novembre 2016

I grandi dell'Umanità

Fëdor Michajlvic Dostoevskij (Mosca 1821 -  San Pietroburgo 1881)


Le sue opere costituiscono dei "classici". 
Le opere classiche (Omero, Dante etc.) secondo quanto ci ha fatto intendere Italo Calvino hanno sempre qualcosa di nuovo da trasmettere alle generazioni di tutti i tempi.

Le opere letterarie di Dostoevskij hanno sempre qualcosa di filosofico e tendono sempre a trovare l'equilibrio fra il bene ed il male che segnano l'uomo.
I personaggi di questo scrittore hanno sempre una vita interiore e da essi, che siano umili personaggi che sussurrano o monologhi di soggetti dell'intellighenzia  viene sempre fuori l'urlo contro l'ingiustizia.
Non mancano le contraddizioni ed il dubbio che sempre affiorano nel vivere dell'uomo. Tutte le sue opere si concludono nella possibilità e nell'attesa della speranza.

Questo autore accompagnerà con riflessioni e con quadretti sull'umanità il pensare sul Blog.

^^^^^^^^^


“Il segreto dell’esistenza umana non sta soltanto nel vivere, ma anche nel sapere per che cosa si vive.” 
Dostoevskij