StatCounter

mercoledì 9 novembre 2016

Hanno detto ... ...

GIULIA BONGIORNO, avvocato
Legislatore preistorico superato dalla Consulta: basta all'automatismo sul cognome paterno.
Donne fatevi sentire. Ora potete!

PIETRO GRASSO, presidente del Senato
Una vita dedicata alla lotta contro i tumori, un grande medico e un uomo libero. Ci mancheranno la scienza e le riflessioni di Veronesi.

FRANCO FRATTINI, già ministro degli esteri

Morto Umberto Veronesi. Caro professore, tutti coloro a cui hai salvato la vita ti abbracciano forte e sarai sempre nei loro cuori.
E sono tanti!!!

ENRICO LETTA, già premier
La più grande rottura politica dalla caduta del Muro di Berlino.
Una grande sveglia all'Europa.:Us Elections e Trump

ANTONIO POLITO, editorialista del Corriere della Sera
Diciamo che la Camera è sicuramente repubblicana, il Senato probabilmente repubblicano, e neanche Hillary si sente troppo bene.

9.45 – Putin si congratula con Trump
Vladimir Putin si è “congratula” con Donald Trump per la vittoria e si augura che i “rapporti russo-americani possano uscire dalla crisi”. Il presidente russo – che ha inviato un telegramma al nuovo presidente Usa – si dice “sicuro” che il dialogo fra Mosca e Washington, basati sul rispetto reciproco, rispondano “agli interessi dei due paesi”. Lo fa sapere il Cremlino citato dalla Tass.

9.31 – Mosca, Trump vince: applausi alla Duma
Hillary Clinton concede la vittoria a Donald Trump e nella Duma, la camera bassa del parlamento russo, scattano gli applausi fragorosi dei deputati. Il presidente della camera, Vyacheslav Volodin, ha detto di sperare ora in un dialogo più costruttivo tra Usa e Russia. “Le attuali relazioni russo-americane non possono essere chiamate amichevoli: speriamo che si possa instaurare un dialogo più costruttivo tra i due paesi quando il nuovo presidente si sarà insediato”, ha detto Volodin citato dalla Tass. “Il parlamento russo accoglie e sostiene qualsiasi iniziativa in questo senso”.

9.16 – Schulz: “Spero che Trump rispetti diritti e regole”
Nel congratularsi con Donald Trump, il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz ha espresso la “speranza che rispetterà i diritti e le regole fondamentali”. Questo è un momento difficile nelle relazioni Usa-Ue – ha ribadito – ma Trump merita pieno rispetto”. “Le campagne elettorali sono cosa diversa dalla politica – ha aggiunto – spero che ora ci sia un ritorno alla razionalità e che Trump si attenga alla costituzione americana”. “Noi – ha concluso – siamo pronti a collaborare”.