StatCounter

martedì 25 ottobre 2016

Verso il Referendum. La Costituzione non appartiene solamente alla maggioranza di governo

Valorizzare dal punto di vista culturale, sociale ed economico le risorse storico-culturali e ambientali del territorio su cui si svolgono funzioni di guida comunitaria -sia politica che ecclesiastica o di altro genere- è dovere di chiunque abbia il senso della responsabilità che assolve. 

Le comunità e le nazioni in passato venivano identificate come modelli sociali con interessi particolari, storia comune, ideali condivisi, tradizioni e/o costumi in contrapposizione alla società dell’età contemporanea entro cui  -invece- non è più implicita la condivisione di un sistema di significati, come possono essere le norme di comportamento, i valori, la religione, una storia comune o persino la produzione o l'uso di artefatti.

Siamo infatti  pervenuti a società civili entro cui non convivono più comuni obiettivi e norme di comportamento condivise, bensì punti di vista non convergenti (il pluralismo di fondo).

I politici di oggi più avveduti puntano o dovrebbero puntare a trovare la convergenza o la mediazione sui "valori" e sui meccanismi contemplati nella Costituzione. Quella Carta costituzionale che è sempre rischioso voler modificare sulla misura e sul taglio del politico di turno, dell'uomo del momento. 
Se modifiche deve subire (ed è verosimile che debba) devono a priore costituirsi maggioranze estese e mai inferiori all'80% del sentimento nazionale. 
La Carta è di tutti gli italiani.