StatCounter

mercoledì 22 giugno 2016

Conoscere l'Ortodossia. Il Sinodo pan-ortodosso e' iniziato e sta valutando i cinque documenti che delineano l'approccio della chiesa con la contemporaneita"

Di seguito riportiamo il "Comunicato" emesso dopo l'avvio dei lavori del Sinodo pan-ortodosso che si tiene in questi giorni nell'isola di Creta sotto la presidenza del patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I'. 
Ai lavori non partecipano, ma hanno inviato osservatori, le Chiese autocefale di Bulgaria, Georgia, Antiochia e Russia.

The Holy and Great Council commences.
The Holy and Great Council commenced its work today at the Orthodox Academy of Crete. In his Introductory Address, His All-Holiness Ecu- menical Patriarch Bartholomew made reference to the history of the at- tempts over many years for the Council to be assembled, emphasizing that there was no possibility for postponement. His All-Holiness ex- pressed his disappointment at the decision of certain Local Auto- cephalous Orthodox Churches, which after decades of preparation, failed at the last moment to honor their written agreement, and are not partic- ipating in the Holy and Great Council, underlying at the same time the need to preserve unity since the Orthodox Church is one and does not constitute a confederation of Churches.
The Primates of the Local Orthodox Autocephalous Churches in their turn, addressed greetings to the Council, unanimously expressing their joy and support for being present at this historic event. They reaffirmed their commitment to work together in unity to address the questions fac- ing the Church in the contemporary world and to deepen co-operation in the future. They also expressed their profound regret and incomprehen- sion at the absence of some Churches, underlying the need for unity. 

Il Santo e grande Sinodo ha iniziato lunedi' 20 giugno i lavori presso l’Accademia ortodossa di Creta, dopo che domenica 19, giorno della Pentecoste Ortodossa, i dieci primate della chiese partecipanti hanno concelebrato la Santa Liturgia in greco.

Nel suo intervento di apertura, il patriarca ecumenico Bartolomeo ha ripercorso la storia dei tentativi effettuati negli anni per giungere alla convocazione del Sinodo, rimarcando il fatto che un ulteriore rinvio sarebbe stato a questo punto inaccettabile.

Sua beatitudine ha espresso disappunto per la decisione di alcune Chiese ortodosse autocefale, le quali, dopo decenni di preparazione, all’ultimo momento non hanno onorato l’accordo anche da loro sottoscritto, e hanno mancato di partecipare al Santo e grande sinodo.

Nello stesso tempo ha sottolineato la necessità di preservare l’unità dal momento che la Chiesa ortodossa è una e non una confederazione di Chiese.

Il rammarico per le assenze è stato ribadito dai primati delle Chiese autocefale. Essi hanno preso a turno la parola per convenire sulla necessità di operare uniti nell’affrontare le sfide portate alla Chiesa dal mondo contemporaneo, rinsaldando ulteriormente, nel futuro, la collaborazione.