StatCounter

giovedì 12 maggio 2016

Dichiarazione Redditi. E' tempo per occuparsene

GIORNALE DI SICILIA

La dichiarazione precompilata si allarga. Aumenta il numero dei possibili fruitori passando da 20 a 30 milioni. Ma soprattutto saranno molte di più le informazioni già inserite dal fisco: ci saranno oltre 700 milioni di nuovi dati che, per le sole spese sanitarie, indicheranno da subito un ammontare di oneri detraibili pari a 14,5 miliardi di euro.
Ci saranno anche gli oneri sostenuti per andare all'università, le spese funebri, i dati della previdenza complementare e gli oneri per ristrutturazioni e bonus energia attivati nell'ultimo anno.
La nuova dichiarazione precompilata è a disposizione dei contribuenti dal 15 aprile. Dal 2 maggio è possibile confermare i dati o integrarli inviandola all'Agenzia delle Entrate, direttamente dal proprio Pc o attraverso un intermediario abilitato o un Caf.
Le spese sanitarie.
E’ la novità più importante e la sfida più impegnativa per il fisco. Sono stati elaborati 520 milioni di dati: 400 milioni dal Ssn, 120 mila dall'uso della tessera sanitaria.
Non solo 730.
Quest'anno la precompilata interesserà una platea potenziale di 30 milioni di contribuenti: ai 730 validi per 20 milioni di pensionati e lavoratori dipendenti si aggiungono ora i modelli Unico utilizzati da altri 10 milioni di contribuenti. Un applicativo guiderà il contribuente per orientarlo sul modello più' adatto al suo profilo.
Spid .
Ci sono tante modalità per accedere alla dichiarazione precompilata. Ci sono: il codice Pin rilasciato dall'Agenzia delle Entrate (che è possibile richiedere on line, negli uffici territoriali, o tramite la app dell'Agenzia) ; un percorso semplificato per i possessori di Smart Card/Cns; il Pin Inps che consente l'ingresso dal sito dell'istituto; e lo Spid, il nuovo sistema pubblico di identità digitale valido per tutte le amministrazioni pubbliche che vi aderiscono.
I contenuti.
La «precompilata» sarà quest'anno decisamente più completa: oltre a redditi percepiti, immobili, mutui e alle assicurazioni salute ci saranno anche le spese sanitarie (ma non completamente), quelle per l'iscrizione a Università e quelle funebri. Per ristrutturazioni e bonus energia ci saranno anche i dati dell'ultimo anno.
La dichiarazione può essere spedita on line; i 730 dovranno essere inviati fino al 7 luglio (per consentire le compensazioni in busta paga), i modelli Unico fino al 30 settembre. Se il 730 precompilato viene accettato direttamente così com'è o modificato tramite un Caf o un professionista abilitato, si chiude la partita con il Fisco. Infatti in quest'ultimo caso i controlli documentali sono effettuati direttamente nei confronti dei Caf e dei professionisti ai quali i cittadini si affidano.