StatCounter

lunedì 4 aprile 2016

Governo in difficoltà sul caso dell'ex ministra Guidi. Ma Renzi prova a rilanciare e punta sull'orgoglio

“Rivendico con forza tutte le misure per sbloccare le opere pubbliche e private specie al sud. L’Italia è ferma da anni. Tempa Rossa, ma anche Bagnoli, Pompei, la variante di valico, il Bisagno, la Napoli Bari, l’Expo o la Salerno Reggio, il tunnel del Brennero, i viadotti in Sicilia, sono opere sbloccate da questo Governo. L’elenco potrebbe continuare a lungo”.
Così Matteo Renzi sul suo profilo Facebook, che continua: “Se qualcuno ruba o commette reati va fermato e condannato. Ma va bloccato il ladro, non vanno bloccate le opere. Invece da noi spesso accade il contrario: il ladro se ne va e si ferma solo l’opera pubblica.
La musica con noi è cambiata.
L’Italia spendeva 40 miliardi di infrastrutture qualche anno fa, adesso è a 20. Non importa essere keynesiani per capire che questo dato spiega in parte la mancata crescita, la disoccupazione, la crisi dell’edilizia.
Dunque rivendico con orgoglio di aver sbloccato, in modo corretto e impeccabile, un progetto che era fermo dal 1989. Se poi qualcuno ha commesso illeciti ne risponderà. Ma noi siamo convinti di ciò che stiamo facendo e non ci fermeremo davanti a chi dice sempre e solo no. E a chi ci accusa di fare il gioco delle lobby ricordo che i reati ambientali, l’Anac di Cantone, il voto di scambio sono oggi normate grazie all’impegno del mio Governo.
Aver sbloccato Tempa Rossa come Bagnoli, Pompei e tutto il resto è stato sacrosanto. Se qualcuno ha commesso illeciti, si persegua quel qualcuno. Ma noi persone perbene, oneste e trasparenti, rivendichiamo con forza di aver sbloccato in piena correttezza un progetto fermo da troppo tempo”.