StatCounter

venerdì 1 gennaio 2016

Memoria. Cosa ci ha lasciato l'anno appena trascorso

Quali segni caratterizzeranno l'anno appena trascorso ?
Ciascuno di noi possiede una sensibilità, una cultura, una visione del mondo differente. Per fortuna dell'umanità.

Il Blog propone cinque immagini simboliche che non vogliono essere esaustive. Al Blog sembra che il 2015 sia stato caratterizzato dal fanatismo terrorista e dalla oppressione/miseria prodotta ed imposta ad interi Paesi dal neo-liberismo imperante.  

L'Anno 2015 inizia con episodi eclatanti sul palcoscenico mondiale
7 gennaio: terroristi islamici
fanno irruzione nella redazione di Charlie Hebdo,
il settimanale satirico di Parigi, uccidendo 12 persone. 
Eclatante è l'umiliazione della Grecia inferta dal sistema neo-liberista
29 giugno: la Grecia non riesce a pagare la tranche di 1.5 miliardi di euro
al Fondo Monetario Internazionale e i creditori si rifiutano di erogare un nuovo prestito.
Il governo di Atene è costretto
a chiudere le banche per 6 giorni. 
Epocale è l'esodo dal Medio Oriente verso l'Europa
2 settembre:  Il corpo del piccolo Aylan, il bambino siriano di tre anni ritrovato su una spiaggia a Mugla, in Turchia, presso Bodrum,
diventa il simbolo della tragedia che
investe chi per amore della vita trova invece la morte
L'anno si chiude ancora a Parigi con stragi promsse dai fanatici
13 novembre: Tre attacchi coordinati uccidono centoventinove persone.
Al teatro Bataclan, durante un concerto, la strage fa il maggior numero di vittime. 
Il fanatismo, fenomeno agli antipodi della cultura e della religiosità, impone la morte a chi ama la vita
13 Novembre: Valeria Solesin, una studentessa italiana che amava la vita
riceve dai fanatici la morte nella strage di Parigi