StatCounter

martedì 19 gennaio 2016

La riflessione di Gjovalin ... 19.01.2016

La dignità e il rispetto per la fede altrui è un dovere morale imprescindibile.

La vera fede unisce e non divide, perché cambiano le religioni a seconda del proprio contesto storico e geografico, ma tutti gli uomini e tutte le donne si ritrovano accanto a valori spirituali molto simili. 

Le teologie, le esegesi e le dottrine possono dividerci anche profondamente. Ma quel che ci divide soprattutto è l’ignoranza e la cattiveria che strumentalizza.

Tutti gli uomini e le donne di questo mondo, a qualsiasi religione appartengono si ritrovano nel valore della pace, attorno al valore del rispetto ed attorno al valore dell’amore. 
A modo loro, tra mille errori e confusioni, gli uomini sono buoni e spesso migliori di come li crediamo.
Il primo nome di Dio, il misericordioso, ricorda tutte queste cose insieme come proiezione nel divino dei nostri valori più grandi.

Il primo nome di Dio non è nome casuale ma l’eco profonda dei nostri sentimenti migliori, che esprime in tutte le lingue del mondo la necessità spirituale della misericordia.