StatCounter

giovedì 28 gennaio 2016

ANNIVERSARI 2016 DI EVENTI DI CONTESSA E DEL SUO TERRITORIO ... ... di Calogero Raviotta

Molti e particolarmente interessanti sono gli anniversari 2016, che offrono l’occasione per far conoscere alcuni eventi, antichi e recenti, di Contessa e del suo territorio (storia, personaggi, patrimonio culturale, ecc.).
L’elenco di tali anniversari in parte (dal 216 a. C. al 1246) è stato già riportato da “IlContessioto” il 9 gennaio 2015, gli altri anniversari (dal 1246 al 2006) saranno riportati nei prossimi blog.
L’anniversario che riguarda l’evento storico più antico è l’occupazione di Entella da parte dei romani nel 216 a. C. L’altro evento storico, riguardante Entella è la sua distruzione definitiva nel 1246 da parte dell’esercito di Federico II.
A quanti sono interessati ad approfondire la conoscenza di questi due eventi può risultare utile consultare la bibliografia riguardante in generale Contessa Entellina (blog del 31 gennaio 2014) ed in particolare le pubblicazioni più note e significative, finora dedicate ad Entella e di seguito elencate:
-   “Entella, il Crimiso e la battaglia di Timoleonte" di Felice Chisesi, Reale Accademia
    Nazionale dei Lincei (Estratto dei rendiconti della Classe di Scienze morali, storiche
    e filologiche. Ser. VI, vol. V fasc. 7-10, luglio-ottobre 1929).
-   “La Rocca di Entella" del canonico Francesco Aloisio (Tipografia Grillo, Mazara del Vallo,1940).
-   "Entella" monografia di Nino Chetta (Tipografia G. Bessone, Bordighera,1937).
-   "Entella ed il Crimiso" articolo di Nicolò Lo Jacono  pubblicato su “L’Araldo” di S. Margherita Belice (n.12\1963 e n.1-2\1964).

Per un ulteriore approfondimento della storia di Entella si suggerisce sia una visita al museo archeologico di Contessa Entellina, l’Antiquarium “Giuseppe Nenci”, dove sono esposti parte dei reperti dell’antica città elima di Entella, trovati durante le campagne di scavi, avviate nel 1983 dalla Scuola Superiore Normale di Pisa, sia la consultazione delle numerose pubblicazioni della predetta Scuola dedicate a Entella.
Infine si riporta di seguito il testo  “L’ANTIQUARIUM da venti anni piccolo tesoro culturale di Contessa”  del dott. Alessandro Corretti, relazione svolta in occasione del 20° anniversario di istituzione del museo archeologico.
“Era il 22 ottobre 1995 quando a Contessa Entellina veniva inaugurato l’Antiquarium Comunale dedicato al sito archeologico di Rocca d’Entella. Era il punto di arrivo di un lavoro lungo, intenso e appassionato. Il Comune di Contessa Entellina, la Soprintendenza BB.CC.AA. della Provincia di Palermo, la Scuola Normale avevano infatti collaborato a un progetto diretto dal prof. Giuseppe Nenci (cui è stato poi intitolato l’Antiquarium) e coordinato dalla allora dott.ssa Maria Cecilia Parra con tutto il gruppo di ricerca entellino.
A distanza di vent’anni, il 21 novembre il Comune di Contessa Entellina, nella affollata sala consiliare, ha voluto ricordare quel bel momento, chiedendo a chi vi aveva lavorato di raccontare il progetto di allora (prof.ssa Maria Cecilia Parra) e di ripercorrere i numerosi passi avanti fatti dalla ricerca a Entella negli anni successivi (dott. Alessandro Corretti e Chiara Michelini). Il tutto collocando l’Antiquarium di Entella nella rete dei musei archeologici della valle del Belice (dott.ssa Francesca Spatafora), dei quali si è anche trovato un denominatore comune nella cultura del vino nel mondo antico (dott.ssa Caterina Greco, per il progetto “Magon”). 
Il sindaco di Contessa, avv. Sergio Parrino, ha fatto gli onori di casa, mentre il dott. Mario Candore ha ricordato il ruolo dell’Assessorato BB.CC.AA. nella gestione, spesso difficile, di beni culturali come questo Antiquarium di cui si celebravano i primi vent’anni, e che per l’occasione è stato anche aggiornato con 4 pannelli dedicati ai risultati finali delle prospezioni archeologiche della Scuola Normale Superiore sul territorio comunale di Contesa Entellina.
Il pomeriggio del 22 l’Antiquarium ha visto una visita guidata condotta dagli archeologi della Scuola Normale per una piccola folla di appassionati.
Una bella iniziativa, insomma, in cui la passione e la competenza degli ‘addetti ai lavori’ hanno incontrato l’entusiasmo e l’interesse di chi crede nell’importanza di ‘piccoli’ tesori culturali come questo Antiquarium, e anzi vorrebbe vederlo sempre più vivo e frequentato”.
P.S. – “IlContessioto” ha finora pubblicato 32 testi, consultabili selezionando ENTELLA nelle aree tematiche.