StatCounter

giovedì 19 novembre 2015

Lo sport. La Federazione calcistica turca giustifica... ... ciò che è difficile giustificare


La partita di calcio amichevole tra Turchia Grecia, 
come ben sappiamo, si è svolta lasciando nell'immaginario del mondo
 i fischi ed i cori esplosi durante il minuto di silenzio in onore 
delle vittime degli attentati di Parigi dello scorso venerdì.
Il commissario tecnico della selezione turca,Fatih Terim, adesso spiega:
“Come si può non rispettare un minuto di silenzio per le vittime degli attacchi? - si è chiesto Terim in conferenza stampa – È così difficile? È molto importante omaggiare quelle vite. Lo sport è uno degli strumenti più importanti che si possono utilizzare per diffondere pace e fratellanza, e la minaccia terroristica ci getta nello sconforto, facendoci riflettere”.
Sulla questione è intervenuta pure la Federazione Turca che ha 
tenuto a precisare che i sostenitore turchi non volevano 
mancare di rispetto a nessuno, ma si sono sentiti messi 
in secondo piano visto che lo scorso 
10 ottobre ad Ankara due kamikaze si sono fatti esplodere 
causando 120 morti e 200 feriti.
“In quella circostanza siamo stati noi a dover richiedere alla Uefa di poter giocare con il lutto al bracciocon le vittime francesi, invece, l’Uefa si è mossa autonomamente. Sembra che ci siano morti di Serie A e morti di Serie B e questo non è accettabile: bisogna rispettare i sentimenti di tutte le persone”.