StatCounter

lunedì 31 agosto 2015

Hanno detto ... ...

FERRUCCIO DE BARTLI, già direttore de Il Corriere della Sera
Davanti a un esodo biblico ogni decisione singola dei Paesi è destinata a fallire.

ENRICO MENTANA, direttore del  Tg La7
Le notizie da Catania sono orripilanti. Detto da chi come me (gli scorsi post sono chiari) non è certo un nemico dei migranti: il Cara di Mineo va chiuso subito, e va attuata entro pochi giorni un'anagrafe completa dei migranti ospitati nel nostro paese. Chi sono, da dove vengono, che diritto hanno di entrare in Europa, in che paese sarebbero diretti. Chi ha mentito sulle proprie generalità o sul paese di provenienza va subito espulso. Sono cose che ho già detto, come un'altra che stasera va ribadita nell'interesse di tutti: spostiamoli nelle tante caserme dismesse sparse nel paese

MARCO MARZANO, giornalista
 Le ragazze  vanno in parrocchia meno delle loro madri e delle loro nonne. Ma su questo il Papa tace.”
La storia di Laura – 
Il mio parroco mi ascolta ma poi decide tutto lui: le nostre  qualità femminili non vengono valorizzate’. Serve un gesto di Francesco – Se  l’orientamento non cambia, tra i banchi resteranno solo quelle che accettano la subordinazione. 
Fedeli convinte 14,5% – le ragazze nata intorno al 1990 che assegnano molta importanza alla religione, secondo le rilevazioni di Osret. 
I ragazzi con fede 11,6% – Gli uomini nati intorno al 1990  che assegnano molta importanza alla religione, sempre secondo le rilevazioni Osret. 
Teologhe 400 – Le studiose italiane che potrebbero insegnare nei seminari ma che solo di rado vengono coinvolte, prevalgono sempre gli uomini  ...

ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA, editorialista del Corriere della Sera

La «tempesta demografica perfetta», come è stata definita, che si sta abbattendo sull’Europa sotto i nostri occhi perlopiù indifferenti. Nell’Ue - dove la Germania detiene il record della più bassa natalità mondiale: 8,2 nascite ogni 1.000 abitanti - per ogni donna vedono la luce appena 1,55 bambini. 
Ai ritmi attuali, per dirne una, in Spagna ogni nuova generazione conterà in futuro un numero di individui inferiore del 40 per cento rispetto a quella precedente.