StatCounter

martedì 21 luglio 2015

Sicilia. Che mestiere fai ? Per campare faccio l'antimafioso

Leoluca Orlando, che negli anni ottanta era stato un bersaglio di Leonardo Sciascia, in una intervista rilasciata oggi a Il Mattino riabilita, per quanto lo riguarda, il grande scrittore siciliano "L'Antimafia non serve più, Sciascia aveva ragione".

Il giornalista chiede al sindaco di Palermo: Troppi opportunisti nell'antimafia ? ed egli risponde: Oggi nessuno può proclamarsi  esponente dell'Antimafia. Neppure io lo sono più. il 19 lugli di quest'anno passerà alla storia come il momento in cui l'Antimafia di facciata ha gettato la maschera.
.... la mafia è cambiata. Chi insiste con l'Antimafia è un professionista dell'Antimafia, proprio come denunciava Sciascia.

Il giornalista sprona Orlando: Lei non ha mai avuto timore di fare i nomi dei politici collusi, a partire da Vito Ciancimino e Salvo Lima, suoi colleghi nella Dc negli anni Ottanta. Oggi chi sono i professionisti dell'Antimafia di cui diffidare ?
Risposta: I nomi li facci, purchè sia chiaro che le mie sono, come sempre, valutazioni politiche: l'aspetto giudiziario è ben diverso. Il magistrato Rocco Chinnici mi diceva che la pensava come me su certi politici, ma lui aveva bisogno delle prove per agire. Finchè, un giorn, mi disse che le prove le aveva trovate. Ma una settimana dopo saltò in aria.

Il giornalista: Era il 1983. Torniamo ad oggi.
Il sindaco di Palermo: "Penso a persone che si son autoproclamate paladini dell'Antimafia come Antonello Montante, che è stato delegato della legalità di Confindustria nazionale,  come l'ex presidente della Camera di Commercio di Palermo Roberto Helg. Tutti amici del senatore del Pd Giuseppe Lumia, l'ex presidente della commissione parlamentare Antimafia. Lo dico da anni: finchè nel Pd ci sarà Lumia non entrerò nel Partito Democratico".

L'intervista prosegue, ma a noi basta ...