StatCounter

sabato 4 luglio 2015

La riflessione di Gjovalin

Il credere come ogni ambito dell'umano è ambivalente: chi crede ciecamente è un fondamentalista pericoloso, e chi non crede affatto e se ne compiace, rischia di essere un cinico senza speranza e senza amore.

I valori morali creduti e applicati senza i filtri del buon senso, lo insegna la storia, realizzano l'inferno sulla terra soprattutto quando vorrebbero portarvi il paradiso.

Nell'inquisizione, nella rivoluzione francese, nello stalinismo, non vi furono abusi di potere o effetti imprevisti e indesiderabili, rispetto alle buone intenzioni.
Non inganni il particolare che solo l’inquisizione torturò nel nome di Dio: anche la rivoluzione francese e il comunismo furono a tutti gli effetti manifestazioni religiose, di una politica resa sacra e al di sopra degli uomini.