StatCounter

sabato 25 luglio 2015

Hanno detto ... ...

SILVIA BONCINELLI, giornalista
È quasi come vedersi allo specchio: c’è un pianeta nella Via Lattea che assomiglia molto al nostro e che gira intorno a un sole quasi uguale al nostro. Si trova nella costellazione del Cigno, a 1400 anni luce da noi, una distanza enorme a cui probabilmente non arriveremo mai, ma visto da qui la sua somiglianza impressionante con la Terra colpisce davvero. Lo ha presentato ieri sera la Nasa in una conferenza stampa attesa da giorni e seguita da tutto il mondo: «È il primo pianeta di dimensioni simili alla Terra che si trova nella cosiddetta zona abitabile di una stella simile al Sole», è stato annunciato. Da ieri il suo nome è Kepler 452b. Il fratello della Terra è stato scoperto dal telescopio spaziale della Nasa Kepler. Lanciato nel 2009, Kepler è un occhio potentissimo che scruta centocinquantamila stelle della Via Lattea per capire se da quelle parti vi si trovino pianeti simili al nostro, che come il nostro potrebbero ospitare la vita.

MAURO DEL BUE, direttore di Avanti!
Finalmente la Turchia si muove. Dopo due stragi, l’ultima quella quella dei giovani socialisti al confine con la Siria, finalmente Ankara ha inviato alcuni caccia a bombardare postazioni dell’Isis, provocando, secondo le fonti ufficiali, trentacinque morti tra i terroristi islamici. Per riequilibrare l’azione la Turchia ha però contestualmente condotto azioni militari contro i curdi. La Turchia aderisce da tempo alla Nato e la sua posizione, al confine con l’Est, era per gli Usa strategica anche per la ubicazione dei suoi missili. Che Obama abbia telefonato al presidente turco per incitarlo ad una posizione più decisa contro l’Isis, non sarà stato certamente ininfluente rispetto alle decisioni assunte.