StatCounter

venerdì 22 maggio 2015

IMU terreni agricoli. Il 16 giugno 2015 scade il termine per pagare l'annualità corrente, il 17 giugno dovrebbe arrivare il giudizio di merito del TAR-Lazio.

Fra poco più di un mese (il 16 giugno) i proprietari di una o più porzioni di terreni saranno chiamati a pagare l’IMU/2015.
Il meccanismo di calcolo sostanzialmente è uguale a quello applicato per l’annualità 2014. Una novità è però la detrazione di 200 euro prevista per i terreni agricoli ex montani spettante al coltivatore diretto o imprenditore agricolo professionale. La detrazione prescinde dal numero di porzioni di terreni condotti e dalla percentuale di possesso nei casi di terreni indivisi.
Bevaio Vaccarizzo,
territorio di Contessa Entellina 
Questa è l’interpretazione che gli organismi rappresentativi dei Comuni  stanno dando in questi giorni.
Ancora non risultano chiusi i tanti contenziosi sull’Imu terreni/2014 che pendono al Tar Lazio, che il 17 giugno dovrebbe esaminare (giudizio di merito) la questione relativa al criterio di classificazione Istat, un atto amministrativo che stranamente sorregge una legge, al punto che un Tribunale Amministrativo può (o meno) far vanificare una legge. Legislatori da quattro soldi, viene spontaneo dire.
 Il Governo che a quanto pare si è reso conto di avere creato una situazione che definire incredibile è poco pare che stia allestendo un  ulteriore intervento normativo, considerato che la legge 34/2015 (di conversione del Dl 4/2015) oltre illegittima sta creando pure seri dubbi applicativi, in particolare sui terreni concessi in comodato o in affitto a coltivatori diretti e a imprenditori agricoli, come evidenzia il Sole 24Ore di oggi.

Il comune di Contessa Entellina ha aderito al ricorso sollecitato dall’Anci  e pendente presso il Tar-Lazio.