StatCounter

mercoledì 11 marzo 2015

Hanno detto ... ...

PIERLUIGI BERSANI, già segretari Pd
«Non è una questione tra me e Renzi, è un problema che dovrebbero porsi tutti. Un problema di equilibri della democrazia: con questo sistema ipermaggioritario, con una camera di nominati, se al ballottaggio vincesse Grillo che succederebbe? Se lo sono chiesto?». 

CLAUDIO VELARDI, già consulente di Massimo D'Alema
Dopo Renzi, è impossibile venga riesumato il cadavere della vecchia politica. O, quantomeno, certi riti non saranno più riproponibili. Però…
 Non cresciamo da una ventina d’anni e Renzi ha dato uno scossone. Ma perché la sveglia sia effettiva, ci vuole tempo e fatica. Temo che se, un giorno, Renzi sparisse, gli italiani farebbero in fretta a scordarselo.
Perché siamo strutturalmente malati: il mondo corre e noi no. Le faccio un esempio: Internet. Con una crescita del 2%, siamo fra i più bassi. Insomma, di fronte all’impegno di Renzi, non è che ci sia il sostegno attivo del paese.
L’Italia lo guarda, lo vota e lo voterà anche, ma c’è pure un po’ di sospetto, di cinismo di fondo. È come se dicessimo: mo’ stai facendo casino, annunci rivoluzione, ti vogliamo sta’ a senti’ ma, insomma, non partecipiamo. E gliel’ho detto in italo-napoletano.