StatCounter

martedì 10 marzo 2015

Hanno detto ... ...

STEFANO FOLLI, editorialista de La Repubblica
“ll partito di Renzi scompagina e assorbe. Intorno ad esso si esercita il trasformismo più antico e la spregiudicatezza più moderna. All’interno del Pd la sinistra soffre, ma non ha una direzione di marcia. All’esterno, sulle macerie di Forza Italia nasce persino la corrente dei berlusconiani “renziani”

DANILO TAINO, giornalista de Il Corriere della Sera

Angela Merkel — che ieri da Tokyo, in qualità di presidente di turno del G7, ha parlato ai giapponesi di come la Germania ha fatto i conti con il passato nazista — sostiene che oggi la sfida maggiore per l’Europa è quella portata dalla Russia di Putin in Ucraina. Un fronte di crisi interno alla Ue sul caso greco avrebbe l’effetto di disunire gli europei proprio quando hanno bisogno di mostrarsi uniti di fronte a Mosca. E poi c’è il fatto che i greci non meritano di pagare ulteriormente l’irresponsabilità della loro classe dirigente che, dietro l’assistenzialismo, ha profittato di uno Stato lottizzato, clientelare e corrotto. Il nuovo governo guidato da Tsipras è legittimato dalle elezioni vinte a introdurre riforme radicali in Grecia. Due cose, però, non può fare. Una è il continuo rinvio di queste riforme: ancora ieri, i ministri delle Finanze dell’Eurogruppo hanno sottolineato che le proposte di Atene sono insufficienti per un progetto condiviso, sono generiche, poco dettagliate. Non chiariscono ad esempio cosa intenda fare il governo ellenico in fatto di mercato del lavoro e privatizzazioni, aspetti ritenuti chiave per riportare la Grecia su una strada non solo di crescita ma di ricostruzione. L’altra cosa che Atene non può fare è pretendere che gli altri 18 membri dell’Eurozona cambino politica se non vogliono: semplicemente, non lo faranno. I tempi sono stretti, passare alla fase in cui si fa sul serio è urgente. L’alternativa è pessima.