StatCounter

venerdì 13 febbraio 2015

Matteo Renzi. Fa il decisionista non solo sull'Imu terreni agricoli ma persino sulla riforma costituzionale

L'Aula di Montecitorio è mezza vuota per l’Aventino promosso dalle opposizioni, però il premier e segretario del Pd Matteo Renzi ha deciso egualmente di far votare i suoi per la riforma costituzionale. 
A maggioranza. 

I soli deputati del Pd e i partiti minori della maggioranza di governo (nuovo centro destra, scelta civica, psi etc.) sono sufficienti a garantire il numero legale. A nulla incide il fatto che il Pd è pure spaccato: Stefano Fassina e Pippo Civati sono usciti anche loro dall’aula, come tutte le opposizioni
Rosi Bindi resta in aula, ma recita la sua tradizionale posizione "sono contraria ma mi turo il naso".
Anche Pierluigi Bersani  è indignato per gli ordini del suo segretario, ma inghiotte pure lui.

L’aria alla Camera è tesa; ma il premier-segretario Pd su Twitter scrive: "Noi ascoltiamo tutti, ma non ci facciamo ricattare da nessuno" e ancora "la riforma sarà sottoposta a referendum. Vedremo se la gente sarà con noi o con il comitato del no guidato da Brunetta, Salvini e Grillo".