StatCounter

venerdì 13 febbraio 2015

Imu terreni agricoli. In Sicilia alcune Amministrazioni Comunali hanno deliberato la disapplicazione delle sanzioni ai "ritardatari"

Già molti sindaci si sono mossi ed hanno fatto deliberare dalla loro giunta municipale la disapplicazione delle sanzioni a quei contribuenti che, non riuscendo a provvedere al pagamento dell'Imu sui terreni agricoli per l'anno 2014, entro la scadenza del 10 febbraio scorso, provvederanno a sanare la propria posizione tributaria entro il 25 marzo, ovvero entro sessanta giorni dall'entrata in vigore del d.l. 24 gennaio 2015, n. 4.

Non è certo quanto i produttori agricoli si attendono. E continueranno ad attendere dalle sedi parlamentari preposte alla conversione del decreto renziano.

Il provvedimento deliberativo di questi comuni -sensibili al disaggio che si avverte nei paesi dell'interno della Sicilia- va comunque letto in aderenza a quanto sancisce il Codice del Contribuente nei principi di collaborazione e correttezza tra contribuente e amministrazioni pubbliche.
Lo Statuto del contribuente prevede infatti la possibilità di ritardare il pagamento di sessanta giorni rispetto alla scadenza fissata nei casi in cui il legislatore manifesta scarsa linearità e repentine retromarce.