StatCounter

mercoledì 25 febbraio 2015

Imu sui terreni agricoli. I produttori sardi protestano

I produttori agricoli della Sardegna protestano a Roma contro il  balzello ingiusto che rischia di uccidere tante aziende anche in Sardegna: l'Imu sui terreni
Organizzati dal Copagri regionale essi pare che non abbiano dubbi   -nè allevatori nè agricoltori- che «È un'imposta che nessuno riconosce, né i Comuni, che con l'Anci hanno presentato ricorso al Tar, né le associazioni di categoria». 
Sono esclusi -è vero- dal pagamento coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, «ma l'imposta è iniqua perché oltre a colpire le aziende agricole a partire dai fabbricati e dai beni strumentali, compresa la terra va ad aggravare una situazione diventata insostenibile. Quest'anno, infatti, è stata ridotta del 23% la quota delle agevolazioni sui consumi medi di gasolio ed è stata cancellata la deduzione del costo del lavoro agricolo a tempo determinato dalla base imponibile Irap». 
Al Governo Copagri chiede la cancellazione di un'imposta che, salvo ripensamenti, dovrà essere pagata entro il 31 marzo.